Verso la fine del cantiere delle nuove aule (17-20 marzo 2021)

Ormai ci siamo: siamo quasi alla fine di un altro mese ed è la volta buona che i lavori nel cantiere delle nuove aule, presumiamo, finiranno sul serio. Lo affermiamo sottovoce, ma se il riferimento non restasse il 31 del mese lo potrebbero essere comunque e sicuramente le vacanze di Pasqua, che inizieranno proprio il 31 e ci catapulteranno direttamente alla ripresa delle lezioni (in presenza? chissà…) mercoledì 7 aprile.
Ma torniamo coi piedi per terra e freniamo l’immaginazione: sono due settimane che non condividiamo foto, e questo perché dieci giorni fa erano stati trattati con smalto ignifugo i quattro piloni d’acciaio su cui verte il tetto (e non i soffitti lignei con la vernice, come pensavamo), ma questa operazione non aveva mostrato evidenze tali da ispirarci un album documentario.
All’inizio di questa settimana, invece, sono ritornati gli operai a lavorare in prossimità all’uscita carraia del cantiere su via Michelangelo e poi hanno risalito il corridoio tra la palestra e le scuole Laini. Quando, finalmente, abbiamo visto che si stendeva il manto di ghiaia e cominciavano ad essere distribuiti gli autobloccanti là in lontananza (rispetto a via Giotto), abbiamo capito che era la volta buona. Sì, c’eravamo davvero. E a questo punto ci siamo fatti delle domande anche sulle condutture per il riscaldamento a pavimento e siamo andati a guardare e anche lì abbiamo trovato delle risposte.
La prima foto dell’album è, quindi, l’ultimo scatto del sopralluogo che abbiamo fatto sabato 20 marzo (e i progressi sono ben evidenti, non c’è che dire!). Poi, da mercoledì 17 in poi, altre immagini raccontano i progressi all’esterno della scuola e ispezionano anche l’interno (perché era da un po’ che non andavamo a fare un giro).
Dal veloce progresso della posa degli autobloccanti e dalla determinazione degli idraulici che hanno rimesso mano a quanto occorre per completare l’argomento riscaldamento, siamo portati a credere che il cantiere sia davvero alla fine. Ci siamo quasi!!!! E non abbiamo dubbi che sarà veloce il riassetto anche della porzione nel parcheggio dei motorini, “al piano sopra”, mentre non abbiamo idea – in tutta sincerità – sulla tempistica che possa richiedere la posa dell’illuminazione esterna (ma abbiamo speranza e incrociamo le dita).
In queste settimane di apparente stallo la scuola ha, infine, cominciato anche a pensare all’arredo delle nuove aule (cattedre, sedie, banchi e videoproiettori), perché successivamente alla fine del cantiere ci chiederemo quando si potranno utilizzare le nuove aule e quando verranno inaugurate. Per ora, non è dato sapere né una cosa né l’altra. Accontentiamoci – e non è poco!!! – che siamo prossimi alla fine del cantiere.